Studenti Istao a scuola…anche di Lean. Full immersion su organizzazione aziendale e supply chain. Ecco com'è andata!

_

Una prestigiosa business school, L’Istituto Adriano Olivetti di Ancona, un Master in International Management interamente in Inglese, 16 studenti provenienti da Italia, Polonia, Slovacchia e Albania, un corso su global supply chain tenuto da Alberto Canepari di GC&P: ingredienti perfetti per una due giorni e mezzo di full immersion sui temi dell’organizzazione aziendale, della supply chain integrata, della Lean.

Abbiamo intervistato Alberto Canepari per chiedere la sua opinione.

Alberto, cosa ne pensi di un Master sull’ International Management?

Oggi come oggi è fondamentale preparare bravi professionisti in grado di operare nel mondo, ribadisco nel mondo e non solo in Italia. Il Master prevede un percorso in aula per sviluppare la parte teorica, dei progetti di consulenza da portare avanti con aziende e un periodo di stage di 4-6 mesi. Un’iniziativa assolutamente pregevole nel panorama delle proposte di master post laurea.

Un corso su global supply chain, di cosa si tratta?

Trattiamo argomenti fondamentali: la necessità per le aziende, anche quelle di piccole dimensioni, di creare una supply chain integrata e orientata ai processi/flussi più che alle funzioni, la necessità che questa supply chain sia anche snella e la necessità di governare e controllare la propria supply chain integrata e snella attraverso pochi ma significativi indicatori.

Che risposte hai avuto dagli studenti?

Il corso, che è stato perfezionato negli anni, è molto interattivo, con esercizi, simulazioni, discussione di casi aziendali. Ho visto un gruppo di studenti interessato, che ha partecipato attivamente a tutte le proposte, che ha posto una sacco di quesiti. Sono molto soddisfatto!

Come valuti il grado di preparazione degli studenti del Master?

Sono rimasto colpito favorevolmente. Hanno una conoscenza della lingua inglese decisamente superiore alla media italiana, hanno quasi tutti già fatto un’esperienza di studio o lavoro all’estero. Molti di loro inoltre, pur non avendo un percorso di studi di natura ingegneristica o economica, hanno afferrato al volo i concetti spiegati durante il corso. Non escludo che potremmo valutare seriamente di portare avanti un work project con alcuni di essi e magari inserirne anche uno in stage a partire dal mese di Aprile.

Viste le recenti evoluzioni del mondo GC&P e la vocazione internazionale del gruppo non sarebbe una cattiva idea!

Il gruppo GC&P ha già intrapreso da anni la strada verso l’internazionalizzazione che si sta concretizzando con progetti di accompagnamento delle PMI italiane in diversi paesi emergenti e con degli investimenti diretti nel subcontinente indiano in tre settori strategici per l’economia veneta ed italiana come il Food & Beverage, l’Arredamento e l’Ambiente. Sicuramente l’ingresso di un giovane in gamba, che segua questo processo di internazionalizzazione, che è inesorabile, ci rafforzerebbe. Vedremo se nelle prossime settimane riusciremo a predisporre un bel progetto di stage e se le condizioni di mercato consentiranno la partenza di questo progetto

Torniamo all’ISTAO, ci puoi raccontare qualcosa di questa business school?

Con ISTAO collaboriamo da molti anni, è una business school di riferimento per tutto il centro e sud Italia. Mi colpisce sempre molto la cortesia, la professionalità, la dedizione di tutto il personale. Un altro elemento è a mio avviso indicativo della serietà con cui vengono impostati i percorsi formativi e seguiti gli studenti: il placement rate a sei mesi dalla conclusione di un Master è mediamente superiore all’85%. Non posso che fare i complimenti a tutta la squadra!

Un consiglio finale per un giovane studente che sta completando il suo percorso formativo?

Vorrei dare cinque suggerimenti:

  • imparare bene la lingua inglese,
  • lavorare molto sulle capacità di parlare in pubblico,
  • rafforzare le proprie competenze soft che ci aiutano ad interagire con gli altri (a questo proposito suggerisco il libro intelligenza emotiva),
  • non trascurare di sviluppare un proprio network di conoscenze personali,
  • conoscere bene gli strumenti informatici di base come il pacchetto office inclusi Excel e Access.

Dici poco……!

Mi rendo conto che non sia semplice, ma oggi come oggi sono tutti aspetti fondamentali per avere successo nel mondo del lavoro, almeno ad un certo livello.

Grazie mille Alberto…

…e un in bocca al lupo al nostro Carlo Alberto Zanini che settimana prossima, sempre all’ISTAO, terrà agli studenti del Master in Gestione e Strategia aziendale un corso, indovinate un po’, …….. sempre sulla Supply Chain!

__

GC&P  è una società di consulenza internazionale specializzata in servizi ad alto valore per le PMI

Share:
Vuoi restare sempre aggiornato su questo argomento?
Si! Iscrivimi alla newsletter
close-image