Il futuro delle imprese si gioca sulla capacità di fare innovazione

“ E’ sulla capacità di fare innovazione che si gioca il futuro delle imprese e del Paese”

È ruotata intorno a questa frase di Vittorio Mincato, presidente della Fondazione Cuoa di Altavilla Vicentina, la giornata di martedì 18 settembre, svoltasi nella prestigiosa cornice di Villa Valmarana Morisini.

L’evento: la cerimonia di consegna diplomi agli studenti della prima edizione del Master in Management dell’Innovazione della Fondazione Cuoa, la prima Business School del Nord Est.

Sono 15 i nuovi manager dell’innovazione, che per otto mesi hanno frequentato i corsi della business school, realizzando anche 5 project work commissionati da aziende leader, un business plan su un’idea innovativa ed uno stage in aziende o società di consulenza.

Oltre alle competenze manageriali acquisite nei banchi di scuola, i giovani manager sono stati i protagonisti di un’international experience nella città di Shanghai, un’area al top nell’innovazione.

Una settimana full immersion in una delle più prestigiose università cinesi, la Jiao Tong University , visite in importanti aziende italiane ed internazionali con sede in Cina (Shanghai Volkswagen, Shanghai Bao Steel, Carel China, General Electrics) e numerosi meeting con manager italiani e cinesi.

Tra i partecipanti anche Carlo Alberto Zanini, uno dei migliori allievi del master, che dopo un periodo di stage è entrato a far parte del team GC&P:  “La mia esperienza al Master è stata unica: molto impegnativa ma estremamente stimolante. Mi ha permesso di ampliare notevolmente non solo le mie competenze relative alla gestione aziendale e alle tematiche legate all’innovazione, ma anche altri skills che un manager moderno deve possedere: dalla capacità di lavorare in team al problem solving, fino allo sviluppo di una vera e propria leadership creativa. E poi lo Study Tour a Shanghai dove abbiamo avuto la possibilità di incontrare manager cinesi e italiani e di crearci tanti contatti. Ho avuto la possibilità di farmi un’idea concreta delle potenzialità ma anche delle difficoltà nel fare business in Cina.”.

La cerimonia è stata presieduta dal direttore scientifico del Master, il professor Roberto Filippini che ha ricordato il percorso svolto dagli allievi, dal presidente della Fondazione Cuoa Vittorio Mincato e da Ruggero Frezza, presidente di M31, società che supporta  la creazione e lo sviluppo di nuove aziende innovative nel campo delle ICT’s.

Un in bocca al lupo ai nuovi manager dell’innovazione!

GC&P è una società di consulenza internazionale specializzata in servizi ad alto valore per le PMI

Share:

One thought on “Il futuro delle imprese si gioca sulla capacità di fare innovazione”

  1. Cecilia ha detto:

    Complimenti Carlo Alberto!

Vuoi restare sempre aggiornato su questo argomento?
Si! Iscrivimi alla newsletter
close-image