Nord(b)Est Award. Imprese oltre confine.

Assegnazione del premio destinato al “Miglior progetto di internazionalizzazione imprese del Nordest”.

Lo sviluppo economico del tessuto industriale del Nord Est sarà sempre più generato da opportunità di business che nascono dai mercati esteri.

La difficoltà delle PMI ad affrontare questi mercati è nota; tuttavia, diventa ormai questione di sopravvivenza rimuovere ogni ostacolo che impedisce questo sviluppo. GC&P srl è una società di consulenza con sede ad Asolo presso la Fornace dell’Innovazione e opera con le PMI per renderle sempre più adatte ad affrontare le sfide internazionali. CIMBA è un consorzio di Università americane che ha scelto Asolo come sede per i propri MBA. Con studenti provenienti da tutto il mondo e una faculty internazionale CIMBA rappresenta un sistema di competenze e di relazioni a livello mondiale a disposizione del tessuto imprenditoriale del Nord Est.

Con questo Premio, GC&P e CIMBA vogliono offrire al sistema economico veneto la possibilità di sviluppare progetti di respiro internazionale per sostenere la crescita delle imprese che partecipano e creare e esempi e pratiche di eccellenza a disposizione di tutte le aziende interessate.

La cerimonia di premiazione è inserita tra gli eventi speciali del Festival delle Città Impresa dal 2 al 6 Maggio 2012. A giudicare il progetto vincente una giuria presieduta da Paolo Bastianello, vicepresidente vicario Sistema Moda Italia e membro comitato tecnico Education di Confindustria. Sarà premiato un unico progetto e, agli studenti che lo hanno elaborato, verrà corrisposto un premio in denaro. La cerimonia di premiazione è prevista il 4 maggio alle ore 18 a Villa Emo ( Via Stazione 5, 31050 Fanzolo di Vedelago – Treviso), messa a disposizione dal Credito Trevigiano.

Tra le aziende finaliste spicca il nome di Electrolux Appliances, ramo della casa madre Electrolux, colosso mondiale nel settore degli elettrodomestici da 11 miliardi di fatturato, che conta 6500 dipendenti in Italia e 52000 in tutto il mondo, con 150 paesi serviti. L’obiettivo del progetto elaborato dall’azienda, assieme ai tre studenti coinvolti (di nazionalità italiana, statunitense e nepalese), è quello di esplorare le opportunità di e-commerce per Electrolux Appliances.

Poi La Vetri, l’unica non veneta, originaria di Piacenza. Un’impresa con 80 dipendenti e 11 milioni di fatturato, che ad oggi è presente solamente nel mercato interno. Assieme a quattro studenti, provenienti da Italia, Stati Uniti e Messico, ha scelto di sviluppare un progetto teso ad esplorare nuove possibilità di vendita e commercializzazione della polvere di vetro riciclato in Italia e all’estero.

Hanno superato la selezione altre tre imprese, due vicentine e una trevigiana. E’ in finale Tosingraf, impresa di Rosà (VI), 25 dipendenti e fatturato a 10 milioni di euro, che si occupa di commercializzazione e produzione di macchine per il dopo stampa. Si tratta di un’impresa che si è rivolta, sino ad oggi, quasi unicamente al mercato interno (95% della quota di mercato): per questo motivo, il progetto presentato con la collaborazione di tre studenti di origine italiana e statunitense, è incentrato sull’obiettivo di raggiungere un sensibile incremento delle vendite nei mercati dei Paesi CEE e della Russia.

E ancora Nardini, storica attività di produzione della grappa a Bassano. Con 60 dipendenti e 14 milioni di euro di fatturato, è presente in moltissimi paesi europei (dalla Germania al Regno Unito, passando per Francia e Spagna), nelle Americhe (USA, Canada, Brasile, Guatemala), in Asia (Turchia, Singapore, Hong Kong, Filippine, Vietnam, Giappone) e Australia. L’obiettivo, in questo caso, è ragionare sulle possibilità di sviluppo del business in India. Il progetto è stato concepito con la collaborazione di studenti indiani, statunitensi e italiani.

L’ultimo è un progetto sviluppato congiuntamente da Eureka e Point, due imprese trevigiane, con sede a Gorgo al Monticano. La prima è una realtà da 100 dipendenti, con 18 milioni di fatturato ed un mercato sia italiano che europeo (soprattutto Francia e Germania), attiva nella produzione di maniglie per mobili. La seconda conta invece 30 dipendenti, con 7 milioni di fatturato, e si occupa di produzione di tavoli e di elementi di arredo. L’obiettivo della collaborazione è l’esplorazione di opportunità di mercato in Sud Africa, realizzata in collaborazione con tre studenti del CIMBA di nazionalità italiana, statunitense e sudafricana.

I criteri di valutazione dei progetti rigurderannoo: il grado di innovazione, i risultati concreti, la soddisfazione dell’azienda e le favorevoli conseguenza del progetto sul sitema industrial Nord Est.

La giuria è composta da:

Paolo Bastianello, Presidente della giuria del Premio, presidente di Marly’s, vicepresidente nazionale di Sistema Moda Italia, componente del direttivo di Confindustria nazionale e della presidenza nazionale della Piccola Industria, Elena Donazzan, assessore regionale formazione e lavoro, Francesco Giacomin, Presidente Fornace dell’Innovazione e consigliere UniCredit, Alberto Canepari, cofondatore e partner di GC&P, Al Ringleb, CIMBA Director, Kirk Karwan, PhD, Furman Univerisity – CIMBA, supervisore dei progetti, Roberto Santolamazza, presidente di Treviso Tecnologia.

Partecipazione gratuita, previa registrazione online.

Per maggiori informazioni è possibile chiamare questo numero 0444512550 o inviare una e-mail a [email protected]

Share:
Vuoi restare sempre aggiornato su questo argomento?
Si! Iscrivimi alla newsletter
close-image