Perché i finanziamenti europei sono difficili da conquistare. 10 ostacoli da superare e altrettante soluzioni.

Sì, avete letto bene: conquistare. Quella ai fondi UE pare, spesso, una corsa all’oro. I fondi ci sono, ma quanti ostacoli si frappongono tra l’azienda e i finanziamenti per i suoi progetti? Quali sono le criticità da considerare (e quindi da superare con successo)? Gli esperti GC&P rispondono.

  1. Conoscenza dei bandi.  Dove reperire le informazioni corrette? Spesso di informazioni ce ne sono persino troppe, parcellizzate, confuse. Molti spunti che possono fuorviare nella ricerca del bando idoneo al vostro progetto.
  2. Esperienza, conoscenza delle tecniche e delle procedure da seguire, e degli errori più comuni commessi dalle aziende. Quella comunitaria è una burocrazia non semplice, poiché molto accurata: servono capacità e specializzazione, che si affinano nel tempo. Progettazione, gestione, rendicontazione sono attività che non si improvvisano.
  3. Linguaggio. Il mondo dei finanziamenti europei parla una sua lingua specialistica. Non conoscerla significa non cogliere appieno il significato di quanto richiesto, ed è una minaccia per l’ottenimento del finanziamento. Molti bandi, inoltre, sono internazionali, e la lingua ufficiale è l’inglese.
  4. Tempistiche. È fondamentale conoscere, e rispettare, i tempi previsti per ogni fase: presentazione del progetto, implementazione delle attività, gestione amministrativa e rendicontazione.
  5. Tematiche. Quali sono le aree tematiche che possono vedersi attribuiti i punteggi più alti? Gli esperti possono dare suggerimenti validi sulle tipologie di progetto che possono concorrere con successo all’attribuzione di un finanziamento.
  6. Concorrenza. La cultura dei finanziamenti si è diffusa, negli anni. Questo significa che i bandi sono ambìti da un numero crescente di imprese, che concorrono. Per vincere si deve davvero essere molto preparati (nella sostanza, con progetti di valore, e nella forma).
  7. Progetto e visione. I finanziamenti non sono miraggi, promessa di denaro a fondo perduto. È fondamentale avere un progetto, mirato e concreto, una visione dell’attività aziendale che includa un’attività da finanziare.
  8. Preconcetti errati. Esiste un reale rischio di fraintendimento, da parte delle imprese, su ciò che riguarda il sistema dei finanziamenti: si tratta di rimborsi di attività previste a budget, sulla base di un progetto.
  9. Scetticismo. Spesso un’azienda si sente un nano di fronte al gigante burocratico (Regione, Ue o altri) e rinuncia in partenza alla presentazione dei progetti. È vero che da soli non si scala la montagna, ma con il giusto team di consulenti si possono ottenere grandi risultati.
  10. Documentazione. Può scoraggiare la compilazione di bandi che sono composti da 50 pagine di documentazione. Chi la conosce, invece, non si spaventa.
 __

GC&P  è una società di consulenza internazionale specializzata in servizi ad alto valore per le PMI

 

Share:
Vuoi restare sempre aggiornato su questo argomento?
Si! Iscrivimi alla newsletter
close-image